lunedì 5 gennaio 2015

Conclusioni

Ancora oggi viviamo in un mondo corrotto. Gli errori del passato hanno solo cambiato il modo di essere eseguiti. Che si facciano chiamare "alieni" o "mostri" non ha importanza : la viltà e la meschinità può avere più facce. Per chi come me ha passato e continua a passare la propria vita fuori da questo ennesimo ignobile sistema, la Verità è la Giustizia non hanno prezzo. E questo non è un luogo comune. 38 anni mi sono stati rubati, schiacciato in una morsa di proibizioni invisibili ma reali. Cosa si può dire e fare in una società dove lo stupro è ammesso ? Dove sono le libertà individuali di cui molti parlano riempiendosi la bocca ? Neanche gli Stati Uniti d'America si possono dire liberi in una società del genere. Questo libro vuole aprire uno spiraglio di luce in un mondo buio, pieno di bugie, approfittatori, oppressori ed ingiusti. Ne avessi avuto una copia quando ero un bambino ! Tanti errori non ne avrei commessi ! Certo, ci sarebbero molte più informazioni che avrei potuto dare ma come inizio credo vada bene cosi'. Ricordate che, si, è vero, nella solitudine si trovano le Verità fondamentali della vita ma è anche vero che nessuno può vivere senza un minimo di scambio comunicativo. Ci sono persone che esistono nel loro intimo senza interagire con gli altri in modo particolare ma quanti di loro lo fanno avendo la consapevolezza di vivere in una società che tende a isolare una certa quantità di esseri umani per viverci sopra ? Abbiamo il dovere di combattere e sconfiggere quest'ennesima guerra invisibile. Per un mondo migliore, sì, ma anche per portare l'Umanita' ad un passo avanti da dove è ora.

sabato 3 gennaio 2015

Capitolo 13 : La Mia Vita, Oggi

Vivo in un gabbiotto di un parcheggio tir. Lavoro saltuariamente come magazziniere a due passi da dove dormo. Mi muovo in bicicletta. E ricevo qualche euro di pensione per i miei trascorsi in clinica psichiatrica ( sinceramente credo sia una forma di risarcimento danni per le torture che ho subito e continuo a subire ). Per il resto niente è cambiato. Sono sempre solo. Il codice esiste ancora e cerca costantemente di manipolarmi, schiacciarmi, dirigermi. Sono povero. Ma non mi arrendo. In passato ho cercato di diventare cantante, bodybuilder, lavoratore indipendente, ...non ce l'ho mai fatta. I sabotaggi erano all'ordine del giorno. Adesso sto cercando di dedicarmi alla scrittura (sono un avido lettore) e alla pittura di quadri. Vorrei riuscire a viverci. Me lo consentiranno ? Non lo so ma è mio dovere tentarci. Mi torturano tutti i giorni. Mi creano problemi anche per un semplice passo. Che ne sara' di me ? Qualcuno mi ricorderà ? Ricorderà il tentativo di avvertire chi come me è un detenuto all'aria aperta ma ancora non se n'è reso conto ? Ho fede in risposte positive. Credo nell ' andare avanti. In questo ripongo la mia fiducia : nel futuro.

venerdì 2 gennaio 2015

Capitolo 12 : I Diritti Umani

Ciò che leggerete in questo capitolo rispecchia fedelmente la Verità/Realtà Oggettiva della mia esperienza con Amnesty International ma non solo. Anche con le Nazioni Unite, Emergency, Greenpeace e moltissime ambasciate sparse per il globo. Sono inclusi i responsabili del Premio Nobel per la Pace. Nessuno onesto intellettualmente potrebbe negare ciò che è accaduto. Allora, cominciamo ... Nel 2008 lasciai casa e lavoro. Umiliato nel profondo dell'anima decisi di denunciare ciò che avevo scoperto. Partii dalla Questura di Prato ( luogo dove sono nato e tutt'ora vivo ) arrivando ad Amnesty International, le Nazioni Unite e tutti quelli di cui ho scritto sopra. Raccontavo tutto tramite lettere : gli stupri, il codice, le oppressioni, ... Ricordo la mia convinzione nell'avere una risposta ; "dopotutto siamo in Italia" pensai, "non in qualche posto remoto dove non sanno neanche cosa siano i diritti umani". Mi sbagliavo. Nessuno mi rispose. Ripeto : NESSUNO MI RISPOSE. Soprattutto AI ( i famosi sostenitori e promoters dei diritti umani ) non accennarono una benché minima risposta. Rimasi sbalordito. Non solo : quest'ultimi ultimamente mi hanno tolto la facoltà di commentare i loro post su facebook semplicemente perché continuavo a chiedere notizie sul perché tacessero su ciò che avevo scoperto. Mi hanno oscurato. Oramai sono arrivato a pensare che questa gente sappia tutto e che magari siano proprio loro gli inventori di questo sistema : un sistema di "pace" a scapito di chi non lo conosce e non lo DEVE conoscere. Personalmente reputo AI -in particolare- una associazione-farsa nata per anticipare i movimenti di massa per la giustizia che si sarebbero creati dai poveri : li hanno anticipati per sedere al tavolo dei potenti fingendo di fare gli interessi dei più bisognosi così come facevano i bianchi negli anni 50' in America creando le associazioni a favore dei diritti dei neri. Reputo AI vile, meschina e bugiarda. Dopotutto, altrimenti, perché non mi avrebbero risposto ?

martedì 30 dicembre 2014

Capitolo 11 : Il Codice Segreto ( parte 2 )

Partiamo dai colori. Il blu rappresenta il poliziotto. Il celeste il poliziotto che prima era il detenuto. Il nero rappresenta lo stupro da parte di un uomo di colore. Il giallo il cinese, colui che si aggrappa a tutto per andare avanti. È una sorta di parassita. Il bianco lo stupro da parte di un uomo bianco. Il grigio la morte. I numeri. L'uno ( pollice alzato ) vuol dire viaggiare da solo. Verso la morte. Il due l'essere violentati. Il tre, vi violentera' un uomo nero. Il quattro l'amputazione di un dito. Il sei rappresenta lo stile umano : i diritti umani di Roma. Il sette significa che volete diventare poliziotti/stupratori. L'otto il matrimonio. Il nove la morte. Il dieci significa che non siete niente. Uno zero. Lo zero può avere lo stesso significato ma anche quello della pallottola. Altre parole - chiave da ricordare sono "portare", "bere acqua", "mangiare". "Portare" significa sottostare alle regole di chi vi trova lavoro, ragazza, divertimento. Sarete i suoi sgobbini. Muti e silenziosi. Avviene quando una persona vi guarda con gli occhi sgranati e piena la schiena. A seconda della gradazione della curvatura di quest'ultima significherà quanto "pesante" ( fastidioso, pedante ) siete. "Bere acqua" e "mangiare" significa sempre essere violentati di notte ma magari guadagnandoci qualcosa ( lavoro, ragazza, ... ). Devo ricordarvi anche che questa gente fa uso del botulino per gonfiarsi le labbra. A seconda della gonfiatura delle stesse verrete violentati oralmente fino a quando non vi verranno proprio così, come le hanno loro. Questo se vi porteranno loro. Ma c'è di più. Ogni squadra arriverà a comprare le auto a seconda -ancora- del prezzo che VOI pagherete se vi porteranno loro. Una Smart rappresenta il taglio di un pezzetto di dito. Un Suv nero lo stupro di una persona di colore ( perché il Suv è grosso e nero ). E così via ...

lunedì 29 dicembre 2014

Capitolo 10 : Il Codice Segreto ( parte 1 )

Con questo ed il prossimo capitolo vi illustrero' il codice con il quale questi esseri vivono sfruttandoci. Per loro noi siamo come il cibo : ne hanno bisogno. Partiamo col dire che vogliono dividere il mondo con due grandi fazioni : sinistra o destra, alieni o mostri, buono o cattivi. Nel mezzo non si sta. Ognuna delle due fazioni ha delle squadre e sottosquadre. Una squadra è un insieme di persone che manipolano colui che sta nel mezzo (chiamato anche detenuto -ma che non ha niente a che fare con colui/e i che commette crimini-. È colui/e i su chi vivono.) dirigendolo dove hanno deciso. Decidono il lavoro che deve fare, la ragazza che deve avere, gli amici ma anche l'abitazione, il cibo, ... Tutto. Lavorano su di lui. Vengono pagati per farlo, ricordatelo. Cosi'fanno anche le sottosquadre con la differenza che i primi pensano più in grande. A sinistra ci sono quelli che mettono in atto il codice. A destra ci sono coloro che se ne fregano, vogliono decidere il da farsi della loro vita e prendono il codice solo saltuariamente. Gli alieni fanno poco sesso, films di spessore per farvi capire il codice, ripetendovelo all'infinito. Gli attori cinematografici sono considerati alieni, come le organizzazioni umanitarie a livello mondiale. I mostri sono i depravati, pensano solo al sesso. Covano odio e vendetta. Generalmente sono quelli su cui i primi hanno vissuti che sono passati da vittime/detenuti a poliziotti. I poliziotti sono coloro che interrogano di notte i soggetti, gli stuprano, gli schiacciano psicologicamente per manovrarli meglio. Non solo : sono anche quelli che vi saboteranno giornalmente. Vi sgonfieranno le ruote della macchina, aggiungeranno qualche goccia di limone nella vostra acqua, vi bucheranno con uno spillo le scarpe in inverno, ... Devono destabilizzare la vostra mente per prenderne possesso. I buoni hanno pazienza, cercano il dialogo, il compromesso giusto per il detenuto. I cattivi se ne fregano : "a me hanno fatto così, adesso lo faccio io a loro !". Esistono poi delle parole chiave. Le principali sono "andare avanti" e "voler passare". Sono quasi sinonimi. Visto che il codice prevede un prezzo per qualsiasi cosa (dal tipo di lavoro, alla ragazza, gli hobbies, ...) le squadre delle due fazioni decidono per voi in base a chi siete figli. Se siete figli di operai dovreste fare lo stesso lavoro a meno che non decidono altrimenti. Naturalmente c'è un prezzo da pagare che voi pagherete senza neanche saperlo per migliorare la vostra posizione sociale. Se voi decidete di "andare avanti" vuol dire che lo volete fare. Dovreste fermarvi, capire e decidere voi il prezzo. Peccato non sappiate il codice."Passare" vuol dire volere imparare il codice ma anche migliorare la vostra posizione sociale. Il problema è che soprattutto i cattivi non vogliano che lo impariate (il codice). Altrimenti dovrete pagarne il prezzo che potrebbe essere svegliarsi con un ragno gigante addosso (i famosi capelli bianchi), l'amputazione di un dito o di un arto (a seconda di ciò che volete raggiungere), essere violentati quotidianamente (anche più volte al giorno), ... Ognuna delle squadre ha una "zona" in cui operare ( la zona può essere un quartiere, un luogo di lavoro, ... ). La "fly zone" è quando si segue il detenuto ovunque vada, anche all'estero. Ricordate che entrambi gli schieramenti non hanno una coscienza. Ritengono di aver sconfitto il "male" delle emozioni. Ma adesso andiamo un po' al dettaglio del codice tramite numeri, colori, parole.

domenica 28 dicembre 2014

Capitolo 9 : Le Voci

Ricordo di averle sempre sentite. Pensavo che fosse la mia testa che ragionava troppo, una sorta di frullino che non mi dava mai pace. Da ragazzo apparivo pensieroso anche per questo. Le ascoltavo. A volte mi basavo su esse per cercare la verità o giudicare qualcuno. Mi sbagliavo. Le voci mi tiravano giù. Mi dicevano che ero ridicolo se facevo questo o quello, mi giudicavano di continuo. Solo oggi so cosa sono. Ci sono gli ultrasuoni che percepisce il nostro inconscio tramite gli orecchi che si usano in guerra per svilire il nemico ( l'evoluzione della guerra ) e poi ci sono i microchip che si infilano sotto la pelle. Io credo di avere quest'ultimi. La guerra si è evoluta. Per sapere se li avete anche voi basta che stiate in silenzio. Poi ascoltate. Se sentite numerose voci è probabile che li abbiate anche voi (i microchip). Se sapeste il codice sarebbe più facile sfuggirgli perché sapreste come comportarvi. E non è fantascienza, è realtà. Anche ciò che sto scrivendo è dettato da loro perché visto che non nessuna intenzione di pagare nessun prezzo per unirmi a qualche squadra e vivo costantemente in solitudine, mi stanno facendo qualche concessione.

sabato 27 dicembre 2014

Capitolo 8 : Clinica Psichiatrica

All'età di 33 anni fui portato per la prima volta nella clinica psichiatrica della mia città. In quel tempo vivevo in macchina. Avevo lasciato il lavoro e la camera in affitto. La pressione che mi sentivo addosso era tanta. Incominciavo a capire sempre meglio cio' che mi capitava ma non avevo ancora la lucidità per tradurlo. In più c'era anche qui una sensazione che mi stava sempre più divorando : era quella di sentire delle voci. Mi sembrava che ci fossero diverse persone che parlassero all'interno della mia testa ed io dovevo decidere quale voce ascoltare e seguire. Mi davano anche consigli di vita. All'ospedale le voci rallentarono ed io mi sentivo più rilassato. Arrivai a pensare che era solo stress e depressione e che questo fatidico codice era solo un invenzione di questi due stati d'animo. Quando uscii tutto tornò come prima. Non stavo sognando, era tutto reale. Sono stato nel reparto psichiatria altre due volte. Quest'altre volte però le voci e la visualizzazione del codice sono state sempre presenti. Non mi hanno abbandonato. Così come non lo stanno facendo adesso. Ho capito anche il perché sono stato ricoverato : vogliono che paghi il prezzo per passare visto che ormai so tutto. Vogliono un braccio. All'interno della struttura ho trovato falsi pazienti che con i loro movimenti mi ripetevano il codice. Mi facevano da muro. Aspettavano una mia mossa ; mossa che finora non c'è stata perché trovo ingiusto pagare un qualsiasi prezzo dopo 38 anni di vita passati in un carcere all'aperto, interrogato di notte, torturato. E la storia continua ...